Come cucinare con il piano cottura a induzione

In un precedente articolo sui piani cottura, vi abbiamo fornito una breve guida all’acquisto delle tipologie attualmente sul mercato, indicando le differenze tra piano cottura a gas e piano cottura a induzione e mettendo in evidenza i vantaggi di scegliere un piano cottura a induzione che si caratterizza per un altissimo rendimento termico e un’efficienza energetica pari al doppio del piano a induzione tradizionale.


In questo approfondimento, vogliamo darvi qualche utile consiglio su come cucinare con il piano cottura a induzione.


< Scopri i piani cottura a induzione di Plados Telma! Clicca qui >


La prima sostanziale differenza tra piano cottura tradizionale e piano cottura a induzione è che il piano cottura a induzione si presenta come una superficie piatta; ne consegue che le pentole utilizzate per cucinare sono direttamente a contatto con la superficie della piastra elettrica che genera calore.


Il piano cottura a induzione trasmette il calore direttamente al cibo e non intorno alla pentola, senza dispersioni di calore, garantendo una riduzione importante dei tempi di cottura. Con un piano cottura a induzione, l’acqua per la pasta va in ebollizione in metà tempo rispetto al piano cottura tradizionale; quindi, se è vero che il piano cottura a induzione funziona con la corrente elettrica, è vero anche la riduzione dei tempi di cottura consente di ridurre anche il consumo di energia elettrica.


Un altro importante vantaggio della cucina con il piano cottura a induzione è l’omogeneità della cottura dei cibi, qualunque sia la tecnica di cottura, ad esempio friggere o grigliare, rosolare o mantecare, bollire o cuocere al vapore. Nel caso del piano cottura tradizionale, il calore è più intenso al centro e meno intenso ai lati, al contrario, con il piano cottura a induzione, il calore emesso è lo stesso e il cibo è sottoposto a una sorgente di calore costante sia al centro che ai lati.
Non c’è cottura che non si possa fare con il piano a induzione, l’unica condizione necessaria al suo utilizzo è disporre di pentole adeguate; sì all’acciaio, alla ghisa, all’acciaio inox e no alla ceramica, il rame o il vetro.

Perché scegliere un lavello antibatterico

Abbiamo già in un precedente approfondimento trattato il tema dell’inquinamento domestico ovvero della contaminazione dell’aria che respiriamo dentro casa e che contiene molte sostanze che la rendono poco salubre; abbiamo anche affrontato il tema di come rendere migliore la qualità dell’aria che respiriamo in cucina, consigliandovi l’uso di detersivi fai da te e indicandovi alcune…

Plados Telma e Gruppo Simonelli, insieme nel progetto Marlic

MARLIC è un progetto finanziato dalla Regione Marche nell’ambito del POR MARCHE. Il risultato della collaborazione tra Plados Telma e Gruppo Simonelli è una testimonianza concreta di come l’economia circolare possa fungere da volano per un’industria più innovativa e meno impattante sull’ambiente.

MARLIC è un progetto finanziato dalla Regione Marche nell’ambito del POR MARCHE e acronimo di Laboratorio di Ricerca Applicata nelle Marche per i Compositi Innovativi.

Cambiamento climatico e autunno anomalo

Dopo un’estate caratterizzata da siccità e temperature elevate, l’autunno ha confermato lo stesso trend. In Italia è stato l’autunno più caldo di sempre, con un aumento della temperatura media di quasi 1 grado e scarse precipitazioni, legate a fenomeni atmosferici violenti.La fonte dei dati, Coldiretti, ha delineato un quadro preoccupante confermando la riduzione delle piogge…

it_ITItaliano